Da Visitare

Castello Ducale di Corigliano Calabro

Si organizzano visite guidate al castello ducale arroccato sulla parte alta della deliziosa e accogliente cittadina calabra per riscoprirne la storia e le leggende, visitare il famoso” salone degli specchi “ realizzato da Ignazio Perricci da Monopoli, capolavoro dell’arte decorativa barocco napoletana (l’identico presente nel palazzo del Quirinale a Roma è una riproduzione di quello coriglianese realizzato in seguito dallo stesso artista), all’interno del castello stesso e viverne le emozioni che esso tramette.

Si possono visitare gli scavi di Sibari, antica e famosa città della Magna Grecia, percorrere ed inoltrarsi nelle carsiche e preistoriche grotte di Sant’Angelo a Cassano Ionio, godere dei benefici dei fanghi e delle acque sulfuree delle Grotte delle Ninfe a Cerchiara di Calabria. Oppure addentrarsi nelle gole del “Raganello” con i suoi 8 km di percorso rafting e attraversare il Ponte del Diavolo a 37’50 mt di altezza (una delle più note attrazioni del parco nazionale del Pollino).
Ammirare antiche chiese e cattedrali una delle quali è situata a Rossano, altro importante centro turistico della zona.

Scavi di Sibari

Questa conserva nel museo diocesano in stile bizantino il Codice Purpureo, la preziosissima pergamena di 376 pagine contenente un antichissimo evangelario scritto in caratteri d’ oro e argento nella antica lingua greca. Si può visitare la fabbrica della “Amarelli” e comprare allo spaccio le deliziose liquirizie di cui la stessa produce ed esporta in tutto il mondo e sempre a Rossano vi è un parco acquatico con grandi piscine di cui una è la più grande ad onde del sud Italia con scivoli mozzafiato e giochi in acqua adatti ad adulti e bambini per un divertimento assicurato.
Per gli ospiti dell’hotel si organizzano anche gite atte a visitare ed esplorare i parchi nazionali della Sila e del Pollino scoprendone la bellezza dei loro laghi e dei pini secolari. Nei paesini montani si possono gustare i prodotti tipici silani quasi tutti a marchio D.O.P. ,deliziosi ed irresistibili. Si può salire fino alle cime più alte con gli impianti sciistici frequentatissimi e funzionanti sia d’estate sia d’inverno e da Camigliatello Silano si può compiere il giro turistico con il trenino storico a vapore negli affascinanti paesaggi mozzafiato interni della Sila.

Codex Purpureus Rossanensis Rossano Calabro

Si organizzano inoltre battute di pesca notturne e diurne su barche attrezzate con personale competente ed anche intere giornate in barca a vela o motore solo per tuffarsi nelle acque più profonde e godere delle calette del golfo della piana, dove la spiaggia fine e sabbiosa ricorda i Caraibi, o arrivare a Isola Capo Rizzuto e visitarne le Castella (al plurale poiché esistevano castelli misteriosamente risucchiati dal mare come i ritrovamenti confermano).L’unico rimasto, maestoso e imponente è situato su un isolotto collegato alla spiaggia da una sottile striscia di terra e a guardarlo si può respirare tutta la storia e le guerre combattute per difendere l’ allora ricchissimo commercio che avveniva nel golfo.

Arriva l’estate e Cerchiara si pone al centro dell’attrazione turistica, affidandosi alle sue proverbiali “sette bellezze” tra cui la mitica Grotta delle Ninfe, apprezzata per le sue calde acque termali, che diventa meta di frotte di turisti provenienti dalle spiagge per trascorrere una giornata diversa, immersi nel verde della lussureggiante macchia mediterranea e nelle calde acque sulfuree della Caldana. Davanti alla suggestiva grotta delle Ninfe Lusiadi, che secondo l’antica leggenda era l’antro nascosto che custodiva il talamo della mitica dea Calipso, è stata realizzata una grande piscina di acqua calda (30°C), le cui qualità terapeutiche erano già note agli antichi Sibariti che le frequentavano assiduamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *